La Madre (Italian)

La Madre Sri Aurobindo

La Madre

Questi illuminanti saggi di Sri Aurobindo formano una potente affermazione ed indicazione sul vero atteggiamento che deve essere adottato da un sadhak dello Yoga Integrale: quello di un completo e dinamico surrender alla Madre. Questi saggi descrivono il triplo movimento di aspirazione, rigetto e surrender, le condizioni fondamentali per una vera fede e sincerità; la forza irresistibile della Grazia della Madre, la necessità di riconquistare la forza-denaro per il lavoro della Madre, e la gioia di essere un Suo perfetto strumento attraverso il lavoro disinteressato, superando le richieste dell’ego. Lo scritto finale descrive i quattro grandi Poteri e Personalità della Madre Divina.


Dettagli del libro

Autore: Sri Aurobindo

Lunghezza del documento: 35 pagine

Editore: Sri Aurobindo Ashram

Fonte originale: www.fuocosacro.com

Collaboratori: Anandamaya, Krishna

Libro disponibile nei formati: Pdf, ePub, Kindle

Lingua: Italiano


eBook Download


Esempio di Testo

La Madre

Capitolo I

Due soli poteri possono, mediante la loro congiunzione, compiere la grande e difficile opera scopo del nostro sforzo: un’aspirazione costante, ineluttabile che chiama dal basso ed una grazia suprema che risponde dall’alto.

Ma la Grazia suprema non potrà agire che nella Luce e nella Verità; non potrà farlo nelle condizioni imposte dalla menzogna e dall’ignoranza.Se dovesse sottomettersi a queste esigenze, incorrerebbe nel fallimento dei suoi stessi piani.

Ecco le condizioni di Luce e di Verità, le sole accettabili dalla più alta Forza supermentale discendente dall’alto ed aprentesi il passaggio dal basso, per dirigere vittoriosamente la Natura fisica ed annichilire le sue difficoltà… Occorre un dono di sé totale e sincero, un’ apertura di sé rivolta esclusivamente verso il Potere divino, un’ ammissione costante ed integrale della Verità che discende, un costante ed integrale rifiuto della menzogna, dei Poteri e delle apparenze della mente, del vitale e del fisico che governano ancora la natura terrestre.

Il dono di sé deve essere totale ed estendersi a tutte le parti dell’essere. Non basta che l’essere psichico risponda, che la mente superiore accetti, che il vitale inferiore si sottometta e che la coscienza fisica interiore senta l’influsso. Nulla deve esservi, in alcuna parte dell’essere, neppure nella più esteriore, che si riservi o si nasconda dietro i dubbi, la confusione, i sotterfugi, nulla che si ribelli o si rifiuti.

Che una parte dell’ essere si sottometta, ma che un’altra si riservi e segua il proprio cammino o ponga le proprie condizioni, allora, ogni volta che ciò si produce, la Grazia divina viene respinta.

Se dietro alla vostra devozione e sottomissione, i desideri, le esigenze egoiste e le insistenze vitali rimangono intatti, sostituendosi alla vera aspirazione o che li mescoliate ad essa tentando di imporli alla Divina Shakti, invano invocherete la Grazia Divina per trasformarvi.

Se aprite alla Verità una parte del vostro essere, e che dal lato opposto lasciate aperte le porte alle forze ostili, è futile sperare che la Grazia divina dimori in voi. Dovete mantenere il tempio pulito se desiderate che la Presenza vivente vi si stabilisca.

Se, ogni volta che il Potere interviene e fa discendere la Verità, volgete le spalle e richiamate la menzogna che è stata espulsa, non dovete biasimare la Grazia divina di farvi difetto, ma la falsità della vostra volontà e l’imperfezione della vostra sottomissione.

Se volete la Verità e, nello stesso tempo, qualche cosa in voi sceglie la falsità, l’ignoranza e il non divino, od anche, semplicemente, non sia disposta a rifiutare totalmente questi falsi movimenti, allora sarete sempre esposti agli attacchi ostili e la Grazia si ritirerà da voi. Dovete scoprire dapprima ciò che in voi è falso ed oscuro e respingerlo con persistenza; allora, solamente allora avrete il diritto di fare appello al Potere divino acciocché vi trasformi.

Non pensate che la verità e lamenzogna, la luce e l’ombra, la sottomissione e l’egoismo possano essereammessi a dimorare insieme nella casa consacrata al Divino. La trasformazione deve essere integrale, ed integrale il rifiuto di tutto ciò che vi si oppone.

Respingete la falsa nozione che il Potere divino farà, che è obbligato a fare, tutto per voi su vostra richiesta, anche quando le condizioni poste dal Supremo non vengano soddisfatte. Che la vostra sottomissione sia vera e completa, allora, e solamente allora tutto sarà fatto per voi.

Respingete anche l’attesa falsa ed indolente che il Potere divino compia la sottomissione per voi. ll Supremo richiede la vostra sottomissione, ma non laimpone; sino a quando non giunga la trasformazione irrevocabile, siete liberoad ogni momento di negare e di respingere il Divino e di ricredervi sul dono divoi stessi, se siete disposti a subirne le conseguenze spirituali. La sottomissione deve essere libera e spontanea; deve essere la sottomissione di un esserevivente, e non quella di un automa inerte o di un utensile meccanico.

Si confonde continuamente una inerte passività con la vera sottomissione; ma da una passività inerte non può risultare nulla di vero né di possente. È la passività inerte della Natura fisica che la lascia in balia di tutte le influenze oscure ed anti-divine. Affinché la Forza Divina possa operare è indispensabile una sottomissione felice, forte e utile, l’obbedienza del discepolo illuminato dalla Verità, del guerriero interiore che combatte contro l’oscurità e lamenzogna, del fedele servitore del Divino.

Tale è la vera attitudine, e solamente coloro che possono assumerla e conservarla, sapranno mantenere una fede che le delusioni e le difficoltà nonscuoteranno, e a superare la prova verso la vittoria suprema e la grande trasformazione.

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published.